giovedì 9 settembre 2010

Settembre che pazzerello!

Dopo un estate all'insegna della nebulosità di intenti, si riparte con settembre e qualche allenamento decente.
Ieri una seria di 10k fatti a ritmo sostenuto 3,50 chiusi perciò in 38'18" e un'altra serie di semi scarico da 5k a 4'05", per chiudere cosi l'allenamento di 15k a 3'56" in 58min e qualche cosa.

In bel giro sotto nua piogerellina e con la sensazione di non aver ancora smaltito la gara di domenica con annessi problemi intestinali.
Stasere un rigenerante con qualche allungo verso la fine.

Questa settimana salto le ripetute. Già la scorsa le avevo fatte le 6x1000 a 3'30" e laprossima mi aspettano 2 giorni di qualita con le 4x2000 e i 2x5000 vediamo che ne esce.

Avanti Savoia (senza pupo)
Fat sono tornato e è tornato anche l'invito a chiudere laporta quando esci!

mercoledì 8 settembre 2010

Bene dopo il post di saluti e i vostri calorosi "ben tornato", rieccomi qui.

Sono mancato volutamente per tutta l'estate ma ora si ricomincia.

Allenamenti non troppo forzati e assecondati dalla voglia di correre e dal piacere di far girare le gambe.

Km ... abbastanza risultati, bhe scadenti.
Ho corso qualche gara ma un pò per pigrizia e un pò per sfortuna (intestinale) non è che i risultati siano stati eccellenti.
Ma poco importa ora c'è il target maratona di Atene.
Ci sarà un lunghissimo lento alla lake maraton e qualche gara di preparazione.
Vi terrò informato sugli allenamenti, come al solito.

Ps. Dessuadete Simone a convincermi a fare l'ironman il prossimo agosto, vi prego, sto cedendo piano piano alla goccia cinese del pazzo monachense :-)

giovedì 2 settembre 2010

Il ritorno

Ciao sono tornato.
Non chiedetemi dove sono stato tutto questo tempo.

Datemi solo un salutino e un abbraccio di ben tornato :-)

lunedì 14 giugno 2010

Hot new play list

Arriva il caldo e ci si prepara a una serie di allenamenti hot.
In previsine della maratona di Tromso, vado a rifare la mia play list.
Qualcuno mi da una mano?

io comincerei con un


In versione originale, ovviamente.

Continuo con cosa?

Fat, adesso molla il pomello della porta che non è un gelato e dai un cosiglio :-)

Alla muerte fatta persona (lui sa che sto parlando a LUI)) la seconda traccia pensavo a un Thunderstruck degli AC/DC, che ne dici? :-)

mercoledì 9 giugno 2010

Bollettino medico per il Frate


Doveva succedere pure a me prima o poi, no?
E cosi è stato, nemmeno a farlo apposta, nel momento del bisogno tutto s'è rotto.
Comincio con un dolorino al tallone dx, che si sviluppa in una piccola tendinite, fastidiosa, leggermente dolorosa, ma non bloccante.
Si continua con un'altrattanta fastidiosa pupalgia che mi perseguita da mesi. Non è cosi dolorosa ne grave da prevedere uno stop, ma solo un pò di attenzione.
E nell'ultimo periodo, dopo la Cortina - Dobbiaco, ho vinto alla lotterei della sfiga una mega contrattura al bicipite femorale. Quest'ultima è stata altamente invalidante negli allenamenti, anzi direi bloccante.
Perciò sono un paio di settimane che non corro e prima correvo poco. Totale ... in 4 settimana poco più di 40km di medi a a settimana. Questo non ci voleva alla vigilia di Tromso. Perciò depongo le armi e mi godrò come verrò la maratona in questione. Non che prima avessi velleità particolari, ma almeno qualche cosa di simpatico, dopo l'allenamento al Piceno con 3.09, poteva starci.
Vabbè pazienza, Lunedi sera sono passato dal massaggiatore, che mi ha letteralmente disintegrato il muscolo, ora sono 2 gg che ho un male lancinante, ma la contrattura sembra andata via. Ieri pochissimi km a ritmo blando, ma spingendo un pò per fortuna il dolore sembra scomparso. Ora finalmente a 3.50 riesco a spingere, prima come scendevo sotto i 4.20 vedevo le stelle.
Ormai come detto siamo agli sgoccioli per Tromso, e vedremo di onorare i colori Blu dei blogtrotter in terra del nord, terra di confine, terra di conquista.
I fratelli Keniani metteranno su i colori della battaglia e non molleranno mai!
O dio... forse qualche pezzo lo perdiamo per strada, ma duri a morire :-) Fino alla muerte!! (Bress dicet)

E ora che il referto clinico è stato dato, Fat chiudi la porta e speriamo in bene, la partenza è prevista per Venerdi 18 alle 13.00 da Malpensa.
The Kenian Brother with Nerry forever clore here the comunication and see you latrina! ups, no "later" volevo dire :-)

Per Ognuno di noi che sa di essere un "Eroe fuoriclasse"!!!

venerdì 28 maggio 2010

X chi non lo sapesse

Ilpassatore.png

Biografia

Il Passatore è stato il più efferato tra i briganti romagnoli. Nacque nel 1824 a Boncellino di Bagnacavallo, paese nel cuore della Romagna, a una decina di chilometri da Ravenna, e fu ucciso nel marzo 1851 a Russi dal sussidiario della Gendarmeria pontificia Apollinare Fantini.
Frequentò in gioventù una scuola privata, che tuttavia abbandonò alla terza elementare, dopo alcune bocciature.

Evaso durante un trasferimento ad Ancona, dove avrebbe dovuto scontare sia una pena a quattro anni di lavori forzati nella risistemazione della nuova darsena per il furto di due fucili da caccia, sia tre anni di detenzione per la fuga dal carcere di Bagnacavallo, e datosi alla macchia, entrò a far parte di un gruppo assai variabile come consistenza e zone d'azione, del quale (come uso tra i briganti dell'epoca) egli non divenne il vero capo, ma una importantissima figura di riferimento.

Il gruppo divenne in breve una banda sempre più numerosa, audace, agguerrita e capace di efferatissime violenze, che operò per tre anni nelle Legazioni Pontificie tenendo in scacco la gendarmeria grazie ad una vasta rete di spie, informatori, protettori, ricettatori, e addirittura uomini delle forze dell'ordine. Utili anche le connivenze con la popolazione più povera, ricompensata con i proventi dei suoi furti e rapine. Furono queste elargizioni che contribuirono a creare la sua fama di "Robin Hood" romagnolo. Anche Garibaldi fu indotto a considerare il Pelloni come un ribelle antipapale e antiaustriaco.

In realtà il Passatore fu considerato dai contemporanei nient'altro che un criminale: seminava gratuitamente violenza e uccideva con sadismo; è stato, ad esempio, l’unico brigante dell'Ottocento ad aver sezionato alcune vittime. [2] In un caso il Pelloni sparò a sangue freddo ad un uomo semplicemente perché uno dei suoi aveva insinuato che si trattasse di una spia.

Un modus operandi caratteristico della banda era la "firma" dei propri delitti: a misfatto compiuto venivano dichiarati a voce alta il nome e soprannome della figura di riferimento, il Pelloni, appunto, che veniva chiamato "Stuvan de Passador" già dal primo nucleo della banda, attiva nei boschi di Brisighella. Caratteristico era anche lo scherno verso il Potere con cui spesso erano concepite le azioni, ma il Pelloni venne consegnato alla storia soprattutto per le vere e proprie occupazioni militari di interi paesi - Bagnara di Romagna (16 febbraio 1849), Cotignola (17 gennaio 1850), Castel Guelfo (27 gennaio 1850), Brisighella (7 febbraio 1850), Longiano (28 maggio 1850), Consandolo (9 gennaio 1851) e Forlimpopoli (sabato, 25 gennaio 1851) - durante le quali metteva a sacco le abitazioni dei più ricchi, che venivano torturati e seviziati per farsi rivelare i nascondigli degli scudi e delle gioie.

Rimase celebre l'occupazione di Forlimpopoli, avvenuta nella notte del 25 gennaio 1851. Durante l'intervallo di una rappresentazione, i briganti penetrarono nel Teatro Comunale (oggi teatro Verdi): saliti sul palcoscenico, puntarono le armi contro gli spettatori terrorizzati e facendo l'appello rapinarono uno ad uno i ricchi presenti in sala. Fra le famiglie rapinate vi fu anche quella di Pellegrino Artusi. A raccolto concluso i banditi passarono a stuprare alcune donne, e tra queste Gertrude, sorella dell'Artusi, che impazzì. La vicenda al Teatro di Forlimpopoli divenne talmente popolare da essere decantata per decenni dai cantastorie [3].

L'attività del Pelloni terminò nel marzo 1851. Tradito da uno dei suoi, desideroso di incassare la ricchissima taglia, "Stuvan de Pasador" fu individuato dalla Gendarmeria pontificia in un capanno di caccia del podere Molesa, nei pressi di Russi, rimanendo ucciso nello scontro a fuoco che ne seguì. Il suo cadavere fu messo su un carretto ed esibito per tutte le strade della Romagna, a dimostrazione dell'effettiva fine del brigante.

Il mito

Le sue imprese ispirarono la musa popolare della rievocazione orale (che enfatizzò la sua generosità, divenuta leggendaria) e quella colta, da Arnaldo Fusinato a Giovanni Pascoli (che nella poesia Romagna idealizzò la sua figura evocandolo, appunto, come il Passator Cortese).

I connotati de il Passatore differiscono notevolmente dalla iconografia che lo ha reso famoso, diffusasi nel dopoguerra a seguito del lancio del marchio dell'"Ente Tutela Vini Romagnoli", che lo raffigurava somigliante a un brigante-pastore lucano (probabilmente Carmine Crocco) e armato di arcaico "trombone", mentre in realtà egli utilizzava le migliori armi disponibili all'epoca. Stefano Pelloni era molto diverso anche in volto, e nel vestire: alto intorno al metro e settanta, una statura giusta per la metà del secolo XIX in Romagna, aveva i capelli neri, gli occhi castani e la fronte spaziosa. In particolare il viso, di forma oblunga e di colorito pallido, non presentava alcuna barba. All'epoca, alla voce segni particolari del Passatore, veniva indicato sguardo truce: ciò è possibile poiché Stefano Pelloni presentava una bruciatura da zolfo sotto l'occhio sinistro.

Alla figura del Pelloni è intitolata la 100 km del Passatore, una competizione podistica che dal 1973 si svolge annualmente con partenza da Firenze e arrivo a Faenza.

Che coss'è l'amor

--- Che cos'è l'amor, è un sasso nella scarpa, che punge il passo lento di bolero
con l'amazzone straniera stringere per finta un'estranea cavaliera
è il rito di ogni sera perso al caldo del pois di san soucì. ---

lunedì 17 maggio 2010

La Piceno si testa la gamba


Dopo un po di titubanza, ho deciso di fare la maratona del piceno a ritno allenamento (non ci crede nessuno)
Il programma erapartire arzillo per poi rallenatare dopo i 30 e arrivare decentemente rilassato per proseguire gli allenamenti duranete la settimana senza dover per forza fermarsi per qualche dolore alle gambe o cose simili.
Volevo tenere i palloncini delle 3, visto il percorso lungo mare, temevo il vento più di qualsiasi altra cosa. Ma alla partenza c'era molta gente e un bel gruppetto di gente veloce è passato avanti e mi sono attaccato. Bene fino al 10° dove a mio malincuore ho scoperto che quasi tutti il gruppetto che viaggiava sotto i 4', avrebbe concluso la gara. Come girano tutti da quella e io rimano praticamente da solo :-( ma no, dai bastardiiiii! Nemmeno uno che viene con me? Maledizione mi trovo da solo a macinare km contro vento senza nessun cambio.
Vabbè poco male, ormai sono in ballo e ballo. Continuo a correre rilassato fra 3'58" e 4'04". Le gambe girano bene. Ad un certo punto addocchio una o due persone di fronte a me e dicido che saranno i miei gregari. Vado a prenderli e con uno comincio un bel passo a 4'. Arriviamo al giro di boa, e il mio temuto lungo mare, vento a folate ma che non accenna a diminuire. Lascio il gragario a tagliarmi l'aria. ha un bel passo, è del posto, conosce le strade e mi aiuta per un bel pò, fino a che non si gira e mi dice, "che dici, ci diamo il cambio contro vento" io straguzzo gli occhi e accetto volentieri, premettengo "ma sono un po al gancio anchei o è" :-)
Faccio il mio lavoro per un paio di km poi cambio e poi ancora io. Verso i 27 le gambe girano ancora bene il fiato c'è e il mio amico è ancora bello fresco.
Succede una cosa strana. Mi mancano le forze, ma non sulle gambe, ma nel resto del corpo... bho. Vabbè pazienza lascio andare il mio amico e alzo il piede sull'accelleratore. Continuo cercando di tenere il ritmo sotto i 4'10". Giro di boa ai 30k, maledizione mi fermo al ristoro degli Alpini (aaa che bel ristoro), ma non mi scende niente, solo un po di te e un po di acqua. Vabbè pazienza, 2 chiacchere con gli uomini piumati e riparto. Decido di stare un attimo a vedere se il fisico torna un po a riaccendersi. Le gambe continuano ad avere forza, ma il resto del corpo non mi segue per niente. Attendo i palloncini delle 3 che mi riprendono ai 35k. E come prevedevo non riesco nemmeno a tenere il loro ritmo. E qui decido di non farmi del male. I successivi 7k sono n calvario e non vedo l'ora di rientrare. Il corpo s'è addormentato defenitivamente.
Bho non so cosa sia successo. se fosse stata una crisi, leprime a non rispondere sarebbero state le gambe. ma cosi non è stato. E' stato tutto il resto del corpo che ha ceduto, stomaco vuoto e forse anche una carica psicologica poco convinta.
Comunque, finisco in 3h09" e una manciatra di secondi. al 33esimo posto. Pensando che al 30esimo ero 11esimo assoluto...
Pazienza, un bell'allenamento con molte sensazioni e che è servito più che altro a tarare un pò le cose.
Ora sò che le gambe per 4' al km ci sono basta affinare un pò la lunghezza. La sensazione è di non sforzare per niente e di avere una falcata sicura a chiara fino ai 3'50" al km.
Vediamo di lavoarci sopra.
Chiudo la settimana con 98.5km e forse anche quelli hanno un pò influenzato la prestazione.
Si continua. E mi permetto di ben sperare per Tromso.

Questo è il quanto.
Buon corsa a tutti!

giovedì 29 aprile 2010

1 - 2 - 3 / Pronti attenti via

Riecchime compari.
sono stato assente un pò, xchè? Suppongo svogliatezza e impegni.

Mi sono cimentato in 4 mezze
Mezza del lago di Caldaro : 1.23
Mezza di Villa Lagarina : 1.22
Mezza di Firenze : 1.21
Mezza di Merano : 1.25

Purtroppo i tempi per un motivo o l'altro non sono venuti, un pò per giusti motivi un pò per stanchezza.
Al lago di Caldaro la mezza è molto difficile e piena di salite, a Firenze ha piovuto come dio la mandava e correre sui porfidi fiorentini, non porta a fare il tempo, a Villa lagarin era un caldo mostruoso, e a Merano, bhe Merano non c'ero con la testa e dopo aver visto che non riuscivo a fare meno di 1.21 ho tirato i remi in barca per arrivare in felicità con il mio fratello Keniano a braccia alzate.

Ora finita la serie delle mezze riposo un pochettino, poco poco è. Poi mi ributto e mi impongo una tabella di 40 giorni per avvicnarmi a Tromso (seguirà post)

Mi fermo una settimana o due con i carichi di lavoro sopra i 90km perchè ho un sospetto di pubalgia e non vorrei farmi del male per niente. Ma solo dopo 3 4 gg il dolore è scomparso e facilmente era solo un affaticamento. Speriamo bene

Scrivo solo per darvi un salutino e ci sentiamo alla prissima con nuove avventure e nuovi racconti.

Fat, è un pò che non sei li dietro la porta ad aspettare, chiudi o non chiudi?

venerdì 23 aprile 2010

Vi presento un nuovo amico

Ragazzi, sono qui oggi non per i miei allenamenti o i miei risultati, ma per presentarvi un amico che ho conosciuto più di un anno fà, ovviamente grazie alla passione per la corsa.
Il suo nome è Krishna Dovadola, è da poco diventato un blogtrotter aprendo il suo blog sotto il nick name di "arirun". Accoglietelo a braccia aperte come solo i blogtrotter sanno fare. (alcuno di voi già lo hanno addocchiato e commentato il suo blog...intenditori!!)
Kri è appena stato alla maratona di Boston e non vuole rivelare il risultato, ma io che che lo odio, xchè va sempre un pelo più di mè, lo svelo alla facciazza sua!
Bravo Kri, sei un metronomo impressionante comunque visti i parziali, solo per qualche settimana sono stato avanti a te e poi mi hai risuperato, ora dovrò impegnarmi per battere il tuo PB!

2737 Dovadola Krishna M 34 "Massalombarda" ITA
5k : 0:19:00
10K : 0:38:29
15K : 0:58:10
20K : 1:18:06
Half : 1:22:25
25k : 1:38:09
30K : 1:58:31
35k: 2:18:58
40k : 2:38:55
Finish : 2:47:31

PRIMO DEGLI ITALIANI A BOSTON (Battuto però da una donna...aaa Kri la Genovese a 2.29 ti ha dato le paglie :-))

Ps. Comunque Cri, ti sono alle calcagna!! Fino al 35esimo sembrano i miei tempi a NY.

giovedì 22 aprile 2010

Un consiglio spassionato!

Goditi potere e bellezza della tua gioventù. Non ci pensare.
Il potere di bellezza e gioventù lo capirai solo una volta appassite.
Ma credimi tra vent'anni guarderai quelle tue vecchie foto.
E in un modo che non puoi immaginare adesso.

Quante possibilità avevi di fronte
e che aspetto magnifico avevi!
Non eri per niente grasso come ti sembrava.

Non preoccuparti del futuro.
Oppure preoccupati ma sapendo che questo ti aiuta quanto masticare un chewing-gum per risolvere un'equazione algebrica.

I veri problemi della vita saranno sicuramente cose che non ti erano mai passate per la mente, di quelle che ti pigliano di sorpresa alle quattro di un pigro martedì pomeriggio.

Fa' una cosa ogni giorno che sei spaventato: canta!

Non essere crudele col cuore degli altri.
Non tollerare la gente che è crudele col tuo.

Lavati i denti.

Non perdere tempo con l'invidia: a volte sei in testa, a volte resti indietro.
La corsa è lunga e, alla fine, è solo con te stesso.

Ricorda i complimenti che ricevi, scordati gli insulti.
Se ci riesci veramente, dimmi come si fa...

Conserva tutte le vecchie lettere d'amore,
butta i vecchi estratti-conto.

Rilassati!

Non sentirti in colpa se non sai cosa vuoi fare della tua vita.
Le persone più interessanti che conosco a ventidue anni non sapevano che fare della loro vita.
I quarantenni più interessanti che conosco ancora non lo sanno.

Prendi molto calcio.

Sii gentile con le tue ginocchia,
quando saranno partite ti mancheranno.

Forse ti sposerai o forse no.
Forse avrai figli o forse no.
Forse divorzierai a quarant'anni.
Forse ballerai con lei al settantacinquesimo anniversario di matrimonio.
Comunque vada, non congratularti troppo con te stesso,
ma non rimproverarti neanche: le tue scelte sono scommesse,
come quelle di chiunque altro.

Goditi il tuo corpo,
usalo in tutti i modi che puoi,
senza paura e senza temere quel che pensa la gente.
E' il più grande strumento che potrai mai avere.

Balla!
Anche se il solo posto che hai per farlo è il tuo soggiorno.

Leggi le istruzioni, anche se poi non le seguirai.
Non leggere le riviste di bellezza:
ti faranno solo sentire orrendo.

Cerca di conoscere i tuoi genitori,
non puoi sapere quando se ne andranno per sempre.
Tratta bene i tuoi fratelli,
sono il miglior legame con il passato
e quelli che più probabilmente avranno cura di te in futuro.

Renditi conto che gli amici vanno e vengono,
ma alcuni, i più preziosi, rimarranno.
Datti da fare per colmare le distanze geografiche e gli stili di vita,
perché più diventi vecchio, più hai bisogno delle persone che conoscevi da giovane.

Vivi a New York per un po', ma lasciala prima che ti indurisca.
Vivi anche in California per un po', ma lasciala prima che ti rammollisca.

Non fare pasticci con i capelli: se no, quando avrai quarant'anni, sembreranno di un ottantacinquenne.

Sii cauto nell'accettare consigli,
ma sii paziente con chi li dispensa.
I consigli sono una forma di nostalgia.
Dispensarli è un modo di ripescare il passato dal dimenticatoio,
ripulirlo, passare la vernice sulle parti più brutte
e riciclarlo per più di quel che valga.

Ma accetta il consiglio... per questa volta.

lunedì 12 aprile 2010

Fire and Rain

Non son qui oggi per parlarvi di corsa o di risultati e allenamenti, i 100 km alla settimana e la mezza a 1.21 sotto un diluvio universale poco importano, al cospetto di cotantopiacere nel sentire questa canzone.
Mi limito solo a riprendere il titolo della canzone per farvi immaginare le sensazioni che si possono provare a correre sotto un'acqua gelida a 10 gradi sui porfidi di Firenze.
Buon'ascolta
E scusate per il NON report al quale vi avevo abituati, ma a volte ci sono cose più importanti da vedere e sentire.



Complimenti a chi ha corso 63km in Irlanda!

martedì 30 marzo 2010

E via che si va

Dopo la brutta botta presa a Roma, il mio fisico non ha ancora assorbito il problema allo stomaco.
Sto migliorando poco a poco.
Ma gambe vuote e paura di ritornare in quel "baratro" mi rallentano un pò gli allenamenti e la voglia di spingere.
Dopo Roma pochi km anche se la voglia di correre era tanta.
Una 50ina di km e Domenica una mezza molto difficile fra sali scendi e una partenza stretta.

Chiusa in un onorevole 1h23'00"
Faccio il primo giro del lago di Caldaro per riscaldamento e mi preparo per la gara assieme a molti runner altoatesini.
Partenza e come al solito in questo percorso per il primo km si fa salom fra le persone più lente.
Appena il percorso si allarga, cerco di recuperare girando a 3'40" senza particolari problemi. Aggancio il gruppo delle prime 3 donne e sto li senza sforzare troppo. Poi mi lascio sfilare dalle prime 2 e rimango in compagnia della solita runner del Fraveggio, con la quale correrò praticamente tutta la gara.
Il percorso è difficile con continui sali scendi e curve e tenere l'andatura è molto dura. Mi ero prefissato di tirare un pò il primo giro e rimanere sui 40' per la prima metà della gara e poi rallentare un pò per non soffrire troppo il secondo giro e la seconda scorpacciata di salite.
Cosi è, passo al traguardo del primo giro in 40'13" dopo aver doppiato la distanza di 10k a 38'10".
Rallento un pò per riprendere fiato conscio che la mia forma non è delle migliori.
Arrivo sulla seconda serie di salite e li come per incanto si accende un pò la luce, le gambe anche se stanche non si bloccano e riesco a superere gli ultimi 3 km con una bella media di 3'50" (che tutto sommato non è male viste le salite e la mia poca propensione alla discesa)
Chiudo cosi in un onesto 1h23'00" come da programma.
Avevo pronosticato un tempo fra 1'24" e 1'22".
Ieri Lunedi esco per un defaticante di 15k e le gambe anche se stanche girano a ritmo ancora bene, segno che il recupero c'è. Chiudo cosi la mia giornata con una 30ina di km. 9 a un ritmo balndo e 21 in gara.

Ora sta nel vedere come riprendere e se riprendere gli allenamenti di qualità.
Con questa botta allo stomaco, stranamente mi si è rallenatata molto la velocità di "crociera" e se voglio spingere a 4' devo pensarci. Prima di Roma giravo a quel ritmo senza nemmeno accorgermene.
Ora, un consiglio, riposare o battere il ferro finche è caldo e provare ad uscire da questo "baratro" di svuotamento dandoci dentro?
Dite voi amici

Fat lascia la porta aperta che possano rispondere tutti!

giovedì 25 marzo 2010

Quei maledetti 50 minuti

Si sono 50 minuti. Il limite di corsa prima che lo stomaco si svegli e rompa le scatole con dolori.
Dopo Roma ho riacquistato dopo un anno il male a un tibiale. Dolore che da molto fastidio, ma non quando corro. Come l'anno scorso dopo aver corso la maratona di Roma si presenta questo problema. Ho le caviglie fine e delicate e evidentemente i sanpietrini mi danno molta molta noia. Forse qualche cross quest'inverno avrebbe fatto bene. Ma sopno un maratoneta non un trailer!

Questa settimana passerà cosi in uno scarico di km ma con un paio di allenamenti importanti per poi approdare nella mezza di Caldaro, dove mi riscalderò per 10k e poi correrò la mezza a un ritmo non superiore ai 4' al km mantenendo il controllo sulla velocità. Spero di chiudere fra i 1.24 e i 1.22 ma se mi sento bene provo a fare il secondo giro del lago un pò più veloce.

domenica 21 marzo 2010

Che figura di M... ragazzi, mi hanno rubato il palloncino giallo!!

E adesso come la mettiamo? Mi hanno rubato il palloncino, e l'espressione è molto eloquente!

Roma mi ha fatto il tiro gobbo per la seconda volta!

Parto finalmente bello carico per l'avvenutra da pacer, con un po di preoccupazione per l'acidità di stomaco che nelle settimane scorse mi ha afflitto.

In partenza prendo un bel gruppetto e per i primi 15k chiacchero incito e parlo con un pò tutti.
Poi verso il 18esimo succede che l'acidità si fà sentire. Bene lo sapevo che arrivavi brutta fetente, adesso stai li!
Corro con la speranza che come nelle volte passate passi e sia solo un 30min di panico.
Invece nulla anzi, s'incazza pure. L'acidità non si ferma alla bocca dello stomaco, ma prosegue su su come come i km passano. Al ristoro dove c'è Uscuru ho il primo crollo di schianto, accompagnato da dolori lancinanti, l'acido che stava nello stomaco passa nella gola e devo fermarmi a vomitare per la prima volta.
Bevo un pò d'acqua per sollevare il bruciore alla gola e mi riporto suoi compagni d'avventura.
Semba che sia passato, ma non è cosi al 28esimo stessa solfa, tempo 600mt "groppo" alla bocca dello stomaco e stessa solfa di prima.
Al 29 e qualche metro non ce la faccio più ammaino i palloncini e mi tiro allaprima tenda medica dove rigurgito una sostanza giallastra fra l'incredulità degli aiutanti medici.

Prendo la mia copertina tolgo il chip e mi metto nell'autobus scopa e li qualcuno mi ha rubato l'ultimo palloncino!

Maledizione che figura di M..... allenarsi a ritmi molto più veloci e per molti più km e risultare nel momento chiave n'a chiavica.
Il mio primo ritiro, bruttissimo demoralizzante e sinceramente dopo 2 settimane di stess, come quelle che ho passato, fanno passare la voglia anche a me

Non so adesso... domani proverò ad andare all'ospedale, ma una gastroscopia mi sa che ci sta tutta :-( Non riesco a bere nemmeno un sorso d'acqua che vedo le stelle pensate a mangiare!!

Mi scuserò appena possibile con i compagni di avventura, e mi scuso formalmente con gli amici blogtrotter per aver deluso la stirpe corsaiola.

Se mi riverrà la voglia di correre, prometto di cantare al più presto vittoria, ma ora come ora, sono abbastanza "attpirato"

Fat, chiudi la porta e dai 2 mandate che rimango qui dentro da solo a piangere su ... Sbagli? Pecche? Da qualche parte non deve aver funzionato qualche cosa, ma non lo capisco.
Buona corsa a tutti!

Ps. Complimenti ai Blogtrotter arrivati al traguardo, tutti bravi ho visto!

venerdì 19 marzo 2010

Mio il palloncino giallo

Mio mio mio, via via maledetti volete rubarmelo.
Cosi correrò domenica, stringendo il mio palloncino giallo, che tutti vorranno portarmi via.
E provate a rubarmelo, corretemi dietro!! :-)
Dopo una settimana di scarico, più che altro psicologico, ho corso 2 15k tutti a ritmo maratona di Roma 4'13"/15"
Le sensazioni sono buone anche se lo stomaco continua a gorgogliare, speriamo di non avere problemi.
Io parto e non mi ruberete il mio palloncino, e come dice il Bress "siora, l'è da Vittorio Veneto che ghe coro drio a quel che m'a roba el portafoglio", io scapperò per non farmi rubare il palloncino!
Mio mio mio mio mio mio :-)

Fat chiudi la porta che se no qui entrano e mi rubano il palloncio giallo!!!
Ci vediamo a Roma see you

domenica 14 marzo 2010

Settimana di carico e foto Treviso marathon


Ciao a tutti concludo una settimana piena di km di corsa e acciacchi fisici
Ho un continuo problema di acidità di stomaco che non mi molla mai, sarà il nervoso o lo stress solo che ho dei dolori lancinanti mentre corro, specie dopo i 20km, speriamo passino piano piano

Questa settimana è stata dedicata a macinare un pò di km.Tutte le uscite che ho fatto sono state sopra (o quasi) i 20k

Lunedi : 20km veloci a 4'04"
Martedi : 23km passo medio 4'19"
Mercoledi : Riposo
Giovedi
: 23Km passo medio 4'15"
Venerdi : Riposo e notte insonne
Sabato : 26Km passo medio veloce 4'12" - 24km + 10x100+100 (tot 2km)
Domenica : Sorpresa agli amici bloggers e mi sono presentato a Treviso per fare un piccolo allenamento fuori programma, foto foto foto e 20km accompagnando l'amico Demis fino quasi al traguardo 4'26"
Concluso la settimana con 111,68km alla media di 4'15"

N'a bella macinata.
Qui sotto il link per il mio Picasa dove gli amici Bloggers troveranno le foto di Treviso. Se volete le foto in grandezza originale, perchè vi piacciono mandatemi una mail o scrivetelo qui sul blog cosi ve le invio. Su Picasa ho messo la versione leggera solo per visualizzare.

Fat aspetta 1 min e poi chiudi la porta, tanto tu sei sempre in ritardo di 1 min :-)
Foto della Treviso Marathon 2010

giovedì 11 marzo 2010

E' passato gia un'anno




E' passato ormai un anno dalla mia maratona di Treviso, domenica molti amici parteciperanno alla maratona che mi ha dato molte soddisfazioni sia per il tempo che per l'impegno profuso nel correrla.
Buona fortuna ragazzi.






mercoledì 10 marzo 2010

Parola mantenuta

Quando il presidente Bressan mi accusa di correre sempre con la divisa della mia societa "atletica Rotagliana" come dice lui, non posso far altro che dire, "ok la porssima volta corro con la canotta fulminea".
Ecco qui le prove del mio impegno. Cosi per dire è....

lunedì 8 marzo 2010

Domenica Fiorentina

Ancora pochi km macinati questa settimana. 66km sono veramente pochini, ma pieni di qualità e di "lunghi"

Due uscite da 23~ una di ripetute corte, e una gara sui 10k con il personale ufficiale (anche se un pò scarsino)

Vento e freddo mi hanno fatto stare a casa sia Venerdi che Sabato, ma domenica avevo appuntamento con l'amico Matteo (chiude in un 36.00 secco BRAO), per un 10.000 a Sesto Fiorentino.
Una distanza che non mi piace per niente, non l'ho mai digerita e mai la digerirò, specie fino a che preparerò maratone :-)
Gara organizzata bene con molti partecipanti, rovinata un pò dal vento che porta via qualche secondo, ma conclusa soddisfatto a 3.45 di media e con un tempo di 37.44 (Le adistar sono fenomenali su questa distanza, cerco sempre ancora le A3)
Raggiunto il target di stare sotto i 38 e di non morire.
Sento le gambe che cominciano a craburare dopo i 7/8km, troppo tardi per un 10k, no??
Va bene cosi, ora aspetta una settimana di carico con un 7x7 e si punta a fare moti km, per poi scaricare in attesa di Roma.

Buona corsa a tutti.
Fat chiudi la porta, che con sto vento rischiamo di farci portare via tutto l'incartamento

mercoledì 3 marzo 2010

Presentiamo le nuove arrivate

Come in ogni buona familia che si rispetti, facciamo le presentazioni delle nuove arrivate
la signorina :
Nike Victory+






E la sua sorellina
Adidas Adistar Boston 2009








Entrambe votate alla velocità.
La nike leggermente più pesante mentre la Adidas un guanto da usare con la massima cautela.
Sono comunque ancora alla ricerca dell'A3 che mi possa accompagnare in maratone.
Ho scartato la Nike Glide perchè ho avuto la conferma che la nike non hanno la calzata per me, arcata plantsare troppo pronunciata e sulla lunga distanza soffro di vesciche in quella zona.
Vediamo che ne esce

Per ora dopo i 30 di domenica ho fatto tali uscite

Domenica : 30km Belluno - Feltre a 4'03 (Primi km con le nike e prime vesciche)
Lunedi : Riposo
Martedi : 23 km ritmo +10" RM (Nike ancora)
Mercoledi : Risc 2km + Rip 15x300 (300 + 1' recupero semiattivo "30 camminata veloce + 20 corsa lenta + 10 accellerazione") i tempi sulle ripetute sono stati 1.02 - 1.04 - 1.00 - 1.06 - 1.01 - 0.59 - 0.56 - 0.59 - 1.02 - 0.56 - 0.55 - 0.55 - 0.58 - 0.58 - 0.57 + rec 1km (Adidas)

Tutto sommato niente male, non ho moltissima velocita nella gambe, ma con i carichi di km dei giorni passati forse ci sta anche quello.
Sul garmin ho visto passare dei 3'00" e velocemente anche un 2'59" per il tempo sul km.
Domani si ripete con i 23 per portare via ancora un pò di km.

Fat la porta lasciala aperta che con tutte ste scarpe mi sa che devo uscire io di casa....

Buona corsa a tutti

domenica 28 febbraio 2010

Prove tecniche di trasmissione

Ecco... dopo una settimana di "scagazzamenti" vari cosa uno si poteva aspettare da una 30km
Leggerezza :-)
Invece la 30 Belluno-Feltre è stata affrontata con gambe pesantissime e un grosso fastidio allo stomaco.
Scende l'amico Simone da Monaco per quetsa gara e non posso mancare ne deludere.
Si parte di buon mattino per Feltre dove si lascia la macchina e si sale a Belluno in compagnia di quasi tutta la Fulminea.
Preparazioni varie, e test di tenuta dell'orifizio sottoposto a scosse di magnitudo 8.8 come il Perù.
Sembra quasi tutto bene, e si parte.
I primi km volano con tutta la voglia che avevo di correre dopo 7gg di stop.
Un fastidio sempre presente alla bocca dello stomaco mi disturba ogni 2 o 3 km, una grossa sensazione di acidità, ma si continua a spingere come da previsione a 4 o leggemrnete sotto.
La media passa tranquilla e alla mezza passo in un perfetto 1.24, segno dei 4min al km.
Continuo fra i continui saliscendi della gara che non si fermano mai.
Al 23° inizia l'erta finale di quasi 4km. Fino al 27° patisco in maniera quasi imbarazzante la salita compiendo dei km veramente sottotono, ma non riesco a far girare le gambe non ho più forza per spingere in salita, nonostante non abbia dato tutto nei km passati.
Infatti appena il terreno diventa meno aspro la media si riabbassa e di un bel pezzo e gli ultimi 3k li facci volando a 3.50.
Chiudo un minutino sopra quello che avevo preventivato 2h01'. Ma la cosa positiva èche sono arrivato veramente fresco fresco, non in affanno e senza nemmeno il fiatone nonostante lo sprint finale. Questo significa chei km fatti sono stati fatti bene in allenamento e che l'allenamento c'è nonostante lo stop di una settimana.
Poi baldoria e chiacchere in attesa delle premiazioni.
E questa la foto live motive della giornata.


Buona corsa a tutti

sabato 27 febbraio 2010

Qualcuno mi porti lontano da qui

Come cantano gli schiavi della musica



Qualcuno mi porti lontano da qui.
Una settimana di stop, niente km, perdita di sali e di liquidi.
DOmani 30k alla Belluno Feltre e la voglia di correre e sentire il cuore che batte.
Si riprende!
Cattivi come la muerte (Bress dicet)

Buona corsa

martedì 23 febbraio 2010

Scusa Bress, ma è stata una giornata di M....

Andiamo per ordine.
Mi preparo alla Verona Marathon con un programma molto elastico.
Correre la mezza a un bel ritmo, oppure correre la prima metà a ritmo Bress e continuare per la maratona, e mettereun po di km nelle gambe.
Scelgo di accompagnare il mitoco presidente della Fulminea Running nella sua avventura.
Mi presento alla partenza un pò assonnato e con qualche problema di stomaco, ma questo per mè è normale ormai.
Parto senza aver incorciato il Bress, poco ma, lo beccherò sul tracciato.
Al 3° km mi fermo e lo aspetto e comincio a correre con lui mantendo il ritmo che ci eravamo predisposti.
Superiamo i palloncini della maratona delle 3 ore e continuiamo tranquilli.
Se non che, a un certo punto sento un dolore lancinante allo stomaco verso i 7km. Uno stimolo impellente. Mi immagino il mio solito mal di pancia da freddo, e continuo a correre convinto che passi. Invece nulla, guardo il bress che arranca dietro di mè e gli dico che al primo "cesso" mi fermo. Riesco a malapena ad arrivare al 10° km e mi butto nel chimico del ristoro.
Ci sto per più di 5 min con dolori e tutto quello che comporta fermarsi quando si è ben già sudato.
Esco dal bagno e incrocio i miei amici dell'AtletiaRotaliana, li saluto mi chiedono come mi cosi in dietro e si mettono a ridere :-) giustamente.
A questo punto decido che la maratona non fa per me oggi, il dolore allo stomaco continua anche se più sopportabile, comincio cosi dal 10°km una allenamento di velocità, decido di spingere tutto quello che ho, sempre con le dovute proporzioni, visto che sono stato rinchiuso in un bagno fino apoco fà.
Comincio cosi a spingere a fare degli scatti e dei km costanti sotto i 3.50. Passo le persone al doppio della velocità, con qualcuno che mi urla, "ma dove vuoi andare"
Fatto èche alla fine gli ultimi 3 km sono ancora i più veloci. L'ultimo km in città lo spingo a 3.38, per poi arrivare nell'aera e al traguardo.
Chiudo la mia "agonia" a 1.31 di tempo reale con sosta ai box, e 1.26 con lo stop.
5 minuti secchi chiuso in bagno, e un ritmo lento all'inizio, mi fanno essere comunque felice del risultato.
Ora sono a casa da 2 giorni in preda al virus con 39 di febbre e la spola fra letto e bagno.
Scusa Bress, ma la M... non mi ha lasciato accompagnarti fino alla fine, speravo sinceramente di prenderti prima della fine, m sei andato anche troppo bene, anhe sena il pacer.
Buona corsa a tutti

martedì 16 febbraio 2010

A Perdifiato

Parafrasando il titolo del libero di "Mario Covachic", ho avuto pure io un periodo dove il riposo non era contemplato.
NOVE giorni di allenamenti ininterrotti, 2 giorni di carico, una settimana di lavori consecutivi anche se leggeri a livello kilometrico. Insomma un bel test per tenere duro e far capire alle gambe chi è che comanda :-)
La filosofia, meglio un ruposo in più che un allenamento forzato comunque rimane alla base del divertimento.

9 Giorni :
Sabato : 32,05km a 4'24"
Domaenica : 18.12km a 4'34"
--------------------
Lunedi : 9.64km rigenerante in compagnia a 4'40"
Martedi : 15.55km Rip. 3x3000 a 3'55" rec. 1min (Split : 3'44" - 3'45" - 3'43")
Mercoledi : 12.14km rigenerante in compagnia a 4'41"
Giovedi : 15.80 Rip. 5x1000 a 4'11" rec. 1min (Split : 3'43" - 3'34" - 3'45" - 3'44" - 3'39")
Venerdi : 12.05 rigenerante a 4.27 con 10x400 finali
Sabato : 19.08 a 4.04
Domenica : 16.07 a 4.31
Totale settimana : 100.33Km a 4'19"
Totale 9 Giorni : 150.49km a 4'22"

Una settimana di prova, con molti allenamenti anche se non lunghissimi, per rimanere il più possibile sulle gambe.
Si vede dai tempi e dai kilometraggi che non è stato facile e che alcuni giorni proprio non girava. Le ripetuttute a 1000 dovevano essere 10 e non 5 :-( è per tal motivo che il giorno successivo ho fatto una serie di 10x400 per rivelocizzare le gambe.
Dopo un lavoro duro di velocità, il giorno dopo avevo proprio la voglia di andare piano.
Ora si riposa Lunedi e questa settimana si fanno pochi allenamento ma un pò più lunghi in preparazione a Verona.
Sono ancora alla ricerca delle mie scarpe perfette e ora sulle mie precision 9 ho totalizzato un bel 890km
Buon allenamento a tutti!

domenica 7 febbraio 2010

Coperture cercasi


Il titolo e la foto è eloquente. Sono a corto di idee per la sostituzione delle mie scarpe da corsa.
Ormai da 4 paia sono fedele alle Mizuno Precision 9. Mizuno ha deciso di ammodernarsi e la Precision 10 è una scarpa che non mi piace per niente, l'ho provata e, sia la tomaia che il nuovo sistema di intersuola non mi piace, perciò sono qui disperatamente a cercare una scarpa decente.
Ormai sulle mie precision blu ho più di 750km, e per una scarpa di 285gr non è una bella cosa!

Pensavo di variare un po con 2 tipi di scarpe diverse. Una più pesante e una più leggera.
Per la pesante e per i ritmi lenti volevo prendere la lunarglide delle nike. una 300gr puramente da strada. C'è chi ci corre bene e volevo rischiare una nike come scarpa d'allenamento.
E sono in arrivo da un amico bresciano le Adidas Adistar Boston 2009, scarpa da 265gr che mi piace molto con tomaiai leggera e intersuola leggermente morbido, con una peculiarita, L'aggiunta nel tacco di un paio di millimetri per avere una posizione più spinta in avanti del piede.

Speriamo bene xchè come noi tutti sappiamo la scarpa sono le ali di noi runner

Tornando ai miei allenameti, concludo una settimana di 5 allenamenti e gli stessi km della settimana scorsa 94.63km, nella quale avevo fatto 6 giorni di allenamento.

Lunedi : riposo
Martedi : 3x3000 con recupero 1k attivo a 4.10 di media (media delle rip 3.50 - 3.48 - 3.51) conclusi cosi i 16km fra riscaldamento e defa con una media di 4.03
Mercoledi : Trasformazione con un lento di 12km concluso con degli allunghi 5x500 (non ho contato esattamente quanti fossere, forse 4 o 5)
Giovedi : Un medio di 16km alla media di 4.11 con delle variazioni di velocità si 100mt
Venerdi : Nevicata copiova e impossiblità nella corsa. Riposo
Sabato : Lungo di 32km con delle accellerazioni di 500mt ogni 5km chiusura finale a 4.24
Domenica : 18km di scarico a 4.34 (che dura!!!)
Totale : 94.63km

Per Alvin, io chiamo trasformazione un allenamento che segue un allenamento di qualità. Che sia una serie di ripetute o un medio veloce, io il giorno dopo, questi tipi di allenamento, mi impongo un allenamento lento o rigenerante per trasformare l'acido accumulato e farlo smaltire al meglio. E' importante ricordare che dopo un allenamento di qualità il giorno successevo è sempre meglio fare un lento rigenerante, più importante anche di riposare.

Il frate non è ancora in forma, ha ancora qualche perplessità sulla resistenza e le ripetute anche sui 3000 non sono proprio ancora velocissime, ma stiamo sulla buona strada. E' solamente la seconda settimane che tiro un pò in allenamento e che macino un po di km, perciò aspettiamo ancora una o due settimane e vediamo che ne esce a Verona, dove non esagererò, ma spero di poter correre tranquillamente in 1.23

Bueno a tutti e se potete datemi qualche consiglio sulle scarpe che ho bisogno di racapezzolarmi in questo mondo cosi variegato come le calzature sportive. Si tenga conto che io sono abituato anche in allenamento a correre con scarpe leggere, perciò gia un 300 o un 310 sono scarpe pesantine per me. Pensate che volevo prendere el Adidas come prima scarpa :-)

Fat è un pò che non fai l'uscere. Vedi di fare qualche cosa valà, e SLAM

lunedì 1 febbraio 2010

Gennaio

Ecco finito il primo mese dell'anno.
Iniziato un pò con calma e un pò di tranquillita.
Pochi km le prime settimane del mese per poi cominciare ad accellerare l'ultima settimana, per poi proseguire verso Febbraio e gli appuntamenti previsti.
Chiudo Gennaio con una settimana carica di 6 allenamenti, un doppio e un lungo di qualità

Lunedi : 10k a pranzo + 15k la sera
Martedi : 10k rigeneranti, anche se con qualche accellerazione
Mercoledi: 12k tranquilli
Giovedi : 12k a +10 RM
Venrdi : 10k medi
Sabato : Riposo
Domenica : 25k a 4.15
Totale 95k in 4.19
Chiudo gennaio con poco più di 238k all'attivo, che sono buoni, pensando che le prime 2 settimane di gennaio praticamente non ho corso.

Diciamo che non sono tantissimi km ma nemmeno pochi ma le variazioni di ritmo li hanno prodotti molto allenanti.
Ora inizia una settimana dove cercherò di aumntare i km distibuendo un po i carichi cercando fare sempre minimo 15k ad uscita

Vediamo come prosegue, non sono ancora in forma ma i 25k fatti domenica mi hanno dato molte buone avvisaglie, nonostante tutti gli inghippi dlla situazione.

Apresto

mercoledì 13 gennaio 2010

Stagione primavera 2010


Ok ragazzi dopo l'indecisione di inizio anno, ora si comincia a delineare un pò il programma di target delle gare 2010.
Tutte le scelte erano dettate dalla possibilità o meno di fare da pacer a Roma.
Oggi confermo la mia disponibilità e scegliendo questa opzione comincio a tarare un pò il calibro della mia stagione primaverile.
Con questa scelta, si incastrano altre manifestazioni.
Roma come pacer delle 3.00 prevede la maratona di Praga il 9 di Maggio.
Perciò dopo tutte le mezze di primavera, ci saranno i due impegni in maratona. Uno d'allenamento spinto e uno da gara.
Ci sarebbero altre possibilità. Ma direi che a grandi linea la scelta è questa.
Se qualcuno ha idee sono ben accette!
Ciao

giovedì 7 gennaio 2010

Addio 2009 - Benvenuto 2010

Ecco finito l'anno.
Archiviamo corse allenamenti e quant'altro e iniziamo un nuovo anno.
Dopo un riposo meritato in Dicembre, dove ho corso pochissimi km e mangiato molto (troppo), ora mi prefiggo di correre con serenità e senza obbiettivi particolari.
Non mi impongo in target fisso, ma tante piccole cose sparse qui e la.
I Km nel 2009 non sono stati moltissimi, ma sono stati tutti intensi e nel 2010 speriamo lo siano in egual modo.

Squoto la sacca dei desideri e esce una cosa cosi, anche se tutto ancora da incastrare e da organizzare. Queste sono le classiche
17/01/2010 Montefortiana 2010 (Mezzamaratona)
21/02/2010 Maratona di Verona 2010 (Mezzamaratona)
14/03/2010 Maratona di Treviso 2010 (Maratona)
21/03/2010 Maratona di Roma 2010 (Maratona) Invito per pacer delle 3h00"
28/03/2010 Halb Marathon Caldaro (Mezzamaratona)
Data da controllare Maratonina della pace Villalagarina (mezzamaratona)
25/04/2010 Halb Marathon Merano (Mezzamaratona)

Queste per iniziare la stagione. Poi si vedrà

Media annua 2009
Km percorsi nell'anno : 2364.77
Tempo di percorrenza : 171h19'26"
Tempo medio al km : 4'21"

Allenamenti di Dicembre 09'
Km Percorsi : 44,56
Tempo di percorrenza : 03h17'00"
Tempo medio al km : 4'25"


Allenamenti di Novembre 09'
Km Percorsi : 236,96
Tempo di percorrenza : 16h51'33"
Tempo medio al km : 4'16"


Allenamenti di Ottobre 09'
Km Percorsi : 150,84
Tempo di percorrenza : 10h16'58"
Tempo medio al km : 4'05"


Allenamenti di Settembre 09'

Km Percorsi : 232,31
Tempo di percorrenza : 16h26'39"
Tempo medio al km : 4'15"


Allenamenti di Agosto 09'
Km Percorsi : 283,60
Tempo di percorrenza : 19h47'09"
Tempo medio al km : 4'11"


Allenamenti di Luglio 09'
Km Percorsi : 207,50
Tempo di percorrenza : 14h57'18"
Tempo medio al km : 4'19"


Allenamenti di Giugno 09'
Km Percorsi : 87,64
Tempo di percorrenza : 6h50'01"
Tempo medio al km : 4'41"


Allenamenti di Maggio 09'
Km Percorsi : 133,75
Tempo di percorrenza : 10h32'20"
Tempo medio al km : 4'44"


Allenamenti di Aprile 09'
Km Percorsi : 116,94
Tempo di percorrenza : 08h13'27"
Tempo medio al km : 4'13"


Allenamenti di Marzo 09'
Km Percorsi : 235,85
Tempo di percorrenza : 17h41'42"
Tempo medio al km : 4'30"


Allenamenti di Febbraio 09'
Km Percorsi : 261,69
Tempo di percorrenza : 18h57'43"
Tempo medio al km : 4'21"

Allenamenti di Gennaio 09'
Km Percorsi : 373,14
Tempo di percorrenza : 27h27'36"
Tempo medio al km : 4'25"